Data11-12 settembre
Parashà | Nitzavim Vayelech
Accens. candele 19.14
Minchà e Arvit Venerdì 19.30
Shachrit 9.30
Minchà 19.00
‘Arvit 20.00
Motzaè Shabbat 20.14
Commento alla Parashà

Parashat Nitzavim Vayelech (di Rav Gadi Piperno)
Nei primi due versetti della parashà di Nitzavim troviamo una stranezza grammaticale.

Il primo versetto e l’inizio del secondo sono al plurale: “Voi tutti siete oggi presenti davanti al Signore vostro Dio, i capi, le vostre tribù, i vostri anziani i vostri guardiani, ogni uomo di Israele. I vostri lattanti le vostre mogli,” ma poi passa al singolare “e il tuo straniero che si trova in mezzo al tuo accampamento, dal tagliatore della tua legna a colui che attinge la tua acqua.”Questo discorso è chiaramente diretto alla collettività dal popolo di Israele. Il Mèshekh Chokhmà spiega che tutti i membri del popolo di Israele sono come raggi che si uniscono in un centro e irradiano la luce in tutte le direzioni. Quel centro è la Sorgente di tutte le sorgenti e quando ognuno è collegato a questo centro allora viene considerato come un’unità, e per questa ragione proprio in quel giorno in cui erano tutti “tutti presenti davanti al vostro Dio” la moltitudine sa diventare unità e il plurale si fa singolare.

Siamo prossimi alla festa di Rosh Hashanà, il giorno del giudizio e il giorno del suono dello Shofar. Un giorno al quale dobbiamo arrivare preparati, con un percorso di teshuvà già in atto. Mai quanto oggi ci rendiamo conto di quanto il comportamento del singolo abbia effetto sugli altri. Questa parashà ci insegna che il popolo di Israele, pur nella varietà delle inclinazioni, delle capacità e delle idee,  sa essere unito. Sa cosa significa essere legati a un unico centro e illuminare in tutte le direzioni. Che possiamo arrivare tutti in salute alle feste, che ci si fanno davanti, e con gioia manifestare questa nostra luminosa unità.
Shabbat Shalom – Gadi Piperno

 

Showing 4 comments
  • Cindy Fowler
    Rispondi

    We will be visiting Florence and I wanted to know if you have a community service for Kol Nidre that my family can attend?

    • Comunità ebraica
      Rispondi

      Hi Cindy, Kol Nidrè and ‘Arvit will be at 19.15.
      I suggest you to arrive sooner and not to bring bags or phone with you

  • Dina Modiano-Fox (aka Dina Modiano)
    Rispondi

    Hello, I too will be in Florence for Yom Kippur. Please advise as to whether I need to register and
    what documents are required to attend Kol Nidre. Many thanks,
    Dina Modianot-Fox

    • Comunità ebraica
      Rispondi

      Hello Dina,
      Whenever you prefer you can send to info@firenzebraica.it your ID or Passport before Yom Kippur.

Leave a Comment

Contattaci

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt
0

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca